I CANTI DELL’ALBERO

Lunedì 30 marzo - ore 10.45

Scuola Primaria
Sala Piccola
Controluce Teatro d’ombre
Su musica di Maurice Ravel
Ideazione, messinscena e regia Cora De Maria, Alberto Jona, Jenaro Meléndrez Chas
Drammaturgia e testi Guia Risari
Supervisione musicale Caterina Vivarelli
Elementi scenografici Alice Delorenzi
Disegno luci Sara Brigatti
In scena Alice De Bacco, Pierre Jacquemin




Lo spettacolo parte da Miroirs e da Ma mère l’Oye, piccolo gioiello pianistico di Maurice Ravel che si ispira al libro di fiabe per bambini Contes de ma mère l’Oye, accompagnato nelle varie edizioni da magnifiche illustrazioni. Le illustrazioni hanno infatti una lunga e antica storia quale veicolo per far conoscere il mondo e, prima della fotografia, hanno rappresentato l’unica possibilità di poter godere delle meraviglie viste e a volte solo immaginate da viaggiatori, esploratori e narratori. Mondi che comunque, per la loro irraggiungibilità, avevano la stessa sostanza della fiaba.
La pièce intitolata I canti dell’albero, prendendo spunto dalle suggestioni nate dalla musica di Ravel, è uno spettacolo di ombre e di figura sulla geografia dell’immaginazione. È la storia di due giovani che si ritrovano nel bosco dell’infanzia grazie alla musica. È lei a consentir loro di assistere a narrazioni fiabesche che li trasportano nel mondo delle fiabe; è lei a creare variazioni inaspettate nelle trame e a regalare emozioni, esperienze, confronto con l’altro e col sé più profondo.

Tickets Newsletter Partners Sostienici
Tickets Newsletter Partners Sostienici