RAZZA DI ITALIANI! Memorie di Ebrei nell’Italia fascista

Venerdì 20 aprile, ore 10.00

Sala Piccola
dagli 11 anni
Teatro dell’Archivolto e Teatro Stabile di Genova
Di e con Giorgio Scaramuzzino
Consulente storico Matteo Corradini
musiche Paolo Silvestri
voce registrata Federico Vanni
scene Lorenza Gioberti
luci Aldo Mantovani
direttore di scena Guido Pastorino
si ringrazia Erri De Luca

Nell’anno dell’80esimo anniversario della promulgazione delle Leggi Razziali in Italia (1938), nasce uno spettacolo che vuole ricordare che nella nostra costituzione sono molto chiari, tra gli altri, due concetti: è vietata la “Riorganizzazione del disciolto partito fascista” e che “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, ecc.”

Come si comportarono gli italiani quando il regime fascista proclamò le prime leggi razziali? Scavando nella nostra storia, Giorgio Scaramuzzino affronta il tema dell’antisemitismo, rivolgendosi in primis alle nuove generazioni.

“Questo spettacolo vuole essere un monito perché non si dimentichino fatti storici tragici, colpe di cui anche l’Italia si è macchiata, e allo stesso tempo si tengano sempre in mente due punti cardine dalla nostra Costituzione: quello che vieta la riorganizzazione del disciolto partito fascista e quello che afferma l’uguaglianza di tutti i cittadini, senza alcuna distinzione di sesso, razza, lingua o religione”.

 

Tickets Newsletter Partners Sostienici
Tickets Newsletter Partners Sostienici