UNA STORIA DISEGNATA NELL’ARIA per raccontare Rita, che sfidò la mafia con Paolo Borsellino

Venerdì 25 novembre, ore 21.00
Per le scuole: 23, 24, 25 novembre, ore 10.00

Sala Grande
Scuola secondaria di I (3° anno) e II grado
NONSOLOTEATRO
Allestimento realizzato in collaborazione con LIBERA PIEMONTE
Di e con Guido Castiglia
Realizzato in collaborazione con Piera Aiello (testimone di giustizia)
Collaborazione alla messa in scena Fabrizio Cassanelli
Scenografia Lucio Diana
Luci e Fonica Franco Rasulo






Uno spettacolo che mira dritto al cuore, con una storia che tocca innanzitutto la dimensione delle emozioni. La storia è quella di Rita Atria, la più giovane testimone di giustizia in Italia, il cui tragico destino è profondamente legato a quello del giudice a cui aveva affidato le sue testimonianze di ragazza appartenente a una famiglia di mafia: Paolo Borsellino, ucciso barbaramente il 19 luglio 1992. Al centro della scena, la sua vitalità, le sue speranze, il suo senso di giustizia, la ribellione verso il mondo di omertà e oppressione che la circonda; ma anche la sua fragilità, il suo senso di inadeguatezza, il peso della responsabilità di trovarsi al centro di una delle vicende più drammatiche della storia italiana recente. Una storia che tutti dovrebbero conoscere.

Seguirà un incontro con Piera Aiello e Maria Josè Fava (referente regionale di Libera Piemonte)

Tickets Newsletter Partners Sostienici
Tickets Newsletter Partners Sostienici