STORIA DI UN PALLONCINO

Sabato 27 gennaio, l'Osservatorio ha assistito allo spettacolo Storia di un palloncino di e con Silvano Antonelli ecco i loro commenti:

Alessandro, 9 anni
Mi è piaciuto un sacco, vorrei vederlo all'infinito, mi ha regalato allegria. Diciamo che era un po' per i bambini piccoli però mi sono divertito lo stesso. L' attore è stato bravo e mi è anche piaciuto che al posto di un computer ci fosse una persona a fare i rumori. Se dovessi dare un consiglio, forse si potrebbe avere più luce; e mi sarebbero piaciuti degli effetti speciali con il fumo.

Amanda, 11 anni
Questo spettacolo mi è piaciuto molto: la scenografia era molto bella e i suoni ben congegnati. Dare l’idea che il palloncino parlasse è stata un’idea che mi ha coinvolta molto e la canzone era bellissima; e poi non sono mancati gli elementi comici!!!

Chiara, 13 anni
Carino! “Storia di un palloncino” parla, appunto, di un palloncino, di cui si racconta dal momento della nascita a quando spicca il volo. lo ci ho riconosciuto dei significati sul fatto di non essere mai all’altezza e di non riuscire a gestire le proprie emozioni. Secondo me questo spettacolo è indicato per i bambini molto piccoli. Alla fine dello spettacolo, in un momento ancora teatrale, hanno "svelato” il mistero degli effetti sonori (molto azzeccati): secondo me hanno fatto bene a mostrare quel "PC” così da far capire ai bimbi cosa c'è dietro uno spettacolo. Ho pensato che tutti abbiamo in testa un palloncino, bisogna solo saperlo gestire.

Dafne, 11 anni
Questo spettacolo è stato molto bello, era per bambini piccoli ma io lo consiglio anche ai più grandi: è una bellissima storia, originale, divertente e dai diversi insegnamenti. Le luci erano molto belle e mi è piaciuto il fatto che gli oggetti in scena venissero mossi e spostati da un’attrice che stava dietro una sorta di telo, facendo anche i suoni, e che alla fine è entrata in scena (con mio grande stupore!). Sia lei sia l’attore sono stati molto bravi! Le luci e le musiche erano stupende; anche la scenografia era molto bella e originale, perché non ne ho mai vista una con i palloncini che nel finale si illuminano pure. Una cosa molto interessante è il fatto che a un certo punto pensavo fosse finito lo spettacolo ma invece c'erano ancora diverse scene che mi hanno coinvolta. Questo spettacolo lo consiglierei a un sacco di persone!!

Emma, 11 anni
Questo spettacolo mi è piaciuto molto perché ha usato fantasia con l'unico oggetto che aveva cioè un palloncino. Mi è piaciuto molto come ha interpretato la storia facendo cose che io non mi aspettavo; in questo spettacolo non cambierei niente perché mi è piaciuto molto così com'era, forse l’abbigliamento poteva essere più curato. Io mi porto a casa un insegnamento di vita: anche con poco si può comunque riuscire a fare qualcosa di straordinario.

Serena, 11 anni
Questo spettacolo ha già diciotto anni, può prendere la patente! L' attore era molto bravo, riusciva a cambiare personaggio solo con la voce e la postura, ho trovato molto bello che usasse un palloncino, ma avrei preferito se fosse riuscito a fare un disegno più bello per la faccia di quest'ultimo. Ho trovato molto bello, e all'inizio non ci credevo, che gli effetti sonori fossero fatti da un’attrice dietro e non dal computer; erano anche molto belli gli effetti speciali quando il palloncino rimaneva seduto e poi si alzava senza che lui lo toccasse, quando si è alzata la sedia con l'attore in piedi sopra. Quando alla fine l’attrice suonava gli strumentini, sembrava proprio di rivivere la storia. Direi che questo spettacolo è pronto per prendere la patente, forse come tutti può imparare ancora qualcosa, ma comunque è maturo, pronto, divertente e consapevole. Dimostra che si può fare uno spettacolo che sia divertente per i più piccoli, ma istruttivo per i più grandi, anche se si potrebbe rendere un po' più divertente per i più grandi: io, che mi reputo abbastanza "grande", mi sono un po' annoiata.