LE LACRIME DI ACHILLE

Il mito è un racconto fuori dal tempo, è attuale, non serve attualizzarlo, e ci consente di porre delle domande all’oggi, di affrontare tematiche sempre vive. Per questo la storia di Achille e Patroclo; per parlare di due ragazzi, di famiglie differenti, di forza e fragilità, di amore, di guerra, di un destino con cui fare i conti. Ripercorrere il mito, affrontare l’Iliade per narrare la storia di un legame che affronta un futuro già designato, del goffo e invisibile Patroclo scelto dal giovane eroe Achille, per scoprire le diverse facce e possibilità dei protagonisti, per stupirci della fragilità di Achille e della forza di Patroclo, della loro crescita, degli insegnamenti di Chirone, della guerra, dell’amore e della morte; questi sono gli elementi del nostro raccontare. Un’amicizia, un amore intenso, dall’inizio alla fine… Sarà la voce di Patroclo a guidarci, sono il suo desiderio e il suo bisogno di essere ascoltato a trovare forma, pace e a dare voce a parole che ad Achille nessuno ha mai regalato. Per raccontare chi era davvero Achille. Per dare ad entrambi una nuova voce.
Dai 12 anni

 

Teatro del Buratto
Testo e regia Renata Coluccini
Con Davide Del Grosso, Giacomo Peia
Costumi Caterina Berta
Scene e luci Marco Zennaro
Musiche Luca De Marinis
Assistenti alla regia Marta Mungo, Emanuela Spadavecchia
Consulenza storico-letteraria Emanuela Spadavecchia