MIA Maschi violenti e donne violate

TEATRO NAZIONALE DI GENOVA

TEATRO NAZIONALE DI GENOVA
tel. +39 010 53421 • fax: +39 010 5342 510
teatro@teatronazionalegenova.it
www.teatronazionalegenova.it
Di Giorgio Scaramuzzino, Giovanni Di Cicco, Paolo Silvestri
Con Giorgio Scaramuzzino e la danzatrice Michela Cotterchio
Regia e drammaturgia Giorgio Scaramuzzino
Coreografie Giovanni Di Cicco
Musiche Paolo Silvestri
Luci Aldo Mantovani
Elementi scenici Lorenza Gioberti
Voce Aldo Ottobrino
Canto Barbara Casini

Fascia d'età:
Scuole Secondarie di I e II grado - Dai 12 anni

Un attore e una danzatrice, un uomo e una donna, indagano sulle cause di un pensiero malato, che ancora affligge la nostra società.
Dopo avere affrontato temi come la lotta alla mafia, le migrazioni, il razzismo, Giorgio Scaramuzzino porta avanti il suo personale percorso di teatro civile. Questo nuovo capitolo del “progetto Urgenze” affronta il tema del femminicidio e più in generale della violenza sulle donne. Basta sentire i telegiornali per capire quanto questa problematica sia diffusa. Alla base degli episodi di violenza c’è una cultura malata, difficile da estirpare, ed è proprio sulle cause di questo fenomeno che cerca di indagare lo spettacolo, interpretato da un attore e una danzatrice.
Mia accoglie lo sfogo delle donne che hanno paura e non riescono a uscire allo scoperto, ma anche il grido di aiuto del maschio schiavo di pregiudizi, prigioniero di un egoismo radicato. Mia moglie, mia sorella, la mia ragazza: è fondamentale combattere il maschilismo e gli stereotipi di genere affinché la parola “mia” possa indicare solo un vincolo affettivo, e non di possesso.

 

APPROFONDIMENTI:

INTERVISTA A GIORGIO SCARAMUZZINO
RASSEGNA STAMPA

Tickets Newsletter Partners Sostienici
Tickets Newsletter Partners Sostienici