PETER PAN

Peter Pan è la storia di un’assenza, di un vuoto che spesso rimane incolmabile, quello di un bambino che non c’è più. È l’inseguimento di un tempo perduto che sfugge al nostro controllo, delle esperienze che ci fanno crescere in fretta. L’ispirazione viene dalle avventure di Peter e Wendy e dall’atmosfera un po’ misteriosa del primo romanzo di James Matthew Barrie, Peter Pan nei Giardini di Kensington dove il sentimento autobiografico di una mancanza incolmabile spinge l’autore a creare un mondo parallelo, un giardino prima, un’isola poi, dove i bambini caduti dalle carrozzine e dimenticati dai propri genitori si ritrovano in uno spazio senza confini fisici e temporali. E l’isola del mai più, Neverland, è forse dentro la testa di ogni bambino, un posto dove vanno a finire le cose dimenticate dai grandi, per cui non c'è spazio nella vita reale.

Dai 7 anni

Factory compagnia transadriatica / Fondazione Sipario Toscana
Di Tonio De Nitto
Collaborazione drammaturgica Riccardo Spagnulo
Con Francesca De Pasquale, Luca Pastore, Benedetta Pati, Fabio Tinella
Regia Tonio De Nitto
Coreografie Barbara Toma 

Guarda i video